Discovery Hub® abilita servizi di self-service BI e analytics

Discovery Hub®
– dare accesso istantaneo ai dati

Discovery Hub® è l’architrettura dati di nuova generazione, che semplifica e automatizza l’implementazione e l’operatività di tutta l’infrastruttura dati. Non serve più cucire insieme diversi strumenti, non serve pensare alla preparazione dei dati o perdersi in lunghi cicli di sviluppo manuali basati su architetture complesse.

Con le infinite possibilità di visualizzazione dei dati offerte da strumenti quali Power BI, Tableau e Qlik, vuoi far lavorare i dati in più direzioni. Vuoi anche accedere a più fonti dati, forse con l’aiuto del reparto IT, ma più probabilmente senza dover aspettare il loro aiuto o l’assistenza di consulenti esterni.

Quando utenti diversi accedono alle fonti dati in modalità differenti, emergono problemi di qualità del dato, con il risultato di una reportistica non coerente. Alla fine tu e i tuoi colleghi isolerete in silos le vostre estrazioni e le vostre trasformazioni. 

“Analisi migliori, più facili e più veloci

grazie all’automazione

Discovery Hub® è una soluzione end-to-end completa che permette di fondere dati provenienti da un’ampia gamma di fonti facendone l’unica versione della verità. Permette all’automazione di modellare le informazioni in modo che gli utenti di business possano comprenderle facilmente.

Allo stesso tempo i dati sono definiti in modo appropriato, in modo che tutti gli utenti delle funzioni di analisi e di reportistica parlano uno stesso linguaggio. Per esempio, se si definisce che i dati sul fatturato debbano tener conto delle tasse, questa definizione verrà usata in tutta l’organizzazione, senza incomprensioni.

Combinando questa piattaforma con la tua scelta di strumenti di visualizzazione, avrai tutta la potenza della business intelligence (BI).

Usando Discovery Hub® come il solido fondamento del tuo ambiente di analytics, puoi creare un ambiente scalabile, governato e sicuro nel quadro di un framework di self service analytics conforme alla normativa, con la possibilità di effettuare analisi in tempo reale su grandi insiemi di dati.

Utilizzando Discovery Hub, gli utenti di business e gli sviluppatori BI e IT possono collaborare su una piattaforma informativa agile e pienamente integrata che supporta workflow iterativi per creare rapidamente report e dashboard. Ciò permette ai manager di prendere decisioni migliori senza impatti negativi sui sistemi core dell’impresa.

Discovery Hub® di TimeXtender aiuta i clienti a ottenere
più valore di business e visibilità dei dati:

=

Integrando facilmente l’accesso al crescente numero di fonti dati aziendali

 

=

Definendo e creando nuovi report e viste senza dover aspettare che l’IT aggiunga nuove fonti dati

 

=

Evitando gli errori di reportistica dovuti a cambiamenti nelle fonti di dati o nell’ambiente server

 

=

Aggiungendo coerenza alla reportistica e ai KPI creati a partire da dati ben governati e validati

 

=

Riducendo i costi dovuti a consulenze esterne e alla dipendenza dall’IT aziendale

 

=

Aumentando la scalabilità, così Power BI, Tableau o Qlik possono essere distribuiti all’intera compagine aziendale

 

Cloud, On-Premise e ibrido

In TimeXtender, guidiamo clienti e partner nel percorso verso un Discovery Hub®
basato sul cloud. Siamo consapevoli che il ritmo e le condizioni dell’evoluzione verso il cloud possano variare in ogni organizzazione. Consci di questo aspetto, lavoriamo nella direzione di una soluzione cloud pura, pur continuando a offrire allo stesso tempo soluzioni on-premise e ibride per soddisfare ogni necessità.

Con il modello TimeXtender puoi selezionare i dati che vuoi distribuire on-premise o nel cloud per indirizzare i tuoi requisiti operativi specifici. Con questo approccio puoi evolvere gradualmente verso una distribuzione cloud pura.

Se hai costruito la tua soluzione analytics on premise in Discovery Hub®, muovere verso il cloud è facile. Non è necessario migrare manualmente gli schemi dei dati, i metadati, gli utenti e i dati — basta indicare il cloud server Azure e Discovery Hub® farà il resto.

Ecco come funziona

Discovery Hub® ha tre componenti: un Operational Data Exchange,
un Data Warehouse moderno e un Layer semantico.

Operational Data Exchange (ODX): accesso a tutti i dati di valore

ODX risponde alle sfide legate all’accesso ai dati, che significa essere a metà dell’opera per chi vuole ottenere dei veri analytics self-service. Gli utenti dei tool di visualizzazione evitano un accesso diretto ai dati, senza bisogno di scomodare l’IT, mentre all’IT è affidato il compito della manutenzione dell’ODX. Gli utenti di business, come gli specialisti di BI, possono concentrarsi sulla modellazione dei dati e sull’erogazione di servizi di self-service analytics ai data scientist, agli analisti e agli utenti finali dei tool di visualizzazione dei dati che usano dati in altri layer — il Modern Data Warehouse (MDW) e il layer semantico.

La forza di questo approccio è la capacità di connettere un numero sempre crescente di fonti dati in costante evoluzione.

Modern Data Warehouse (MDW):
comprensione e fiducia

Il Modern Data Warehouse è costruito sulla nozione che gli utenti aziendali hanno bisogno di accedere ai dati e di comprenderli. Se vogliamo che siano utili, i dati devono essere disponibili in un formato che gli utenti aziendali possano usare e capire. A differenza degli approcci tradizionali al data warehouse, nessun giudizio viene formulato in merito a quali dati siano rilevanti, dato che l’obiettivo è di supportare la modalità self-service.

Nel MDW, i dati sono migliorati, arricchiti e consolidati. Con il MDW, i problemi di qualità del dato vengono gestiti una volta per tutte. Vengono creati dei Golden record in cui dati simili provenienti da sistemi differenti possono essere combinati in un unico data set. Il MDW permette inoltre di mantenere i dati storici, anche nel momento in cui le fonti dati su sistemi legacy sono dismesse.

Il MDW permette di vincere un altro aspetto della sfida verso gli analytics self-service— legato all’accessibilità a dati significativi e affidabili.

Un layer semantico condiviso: una sola version
della verità per Power BI, Tableau, Qlik

Con il layer semantico condiviso, i modelli sono definiti una volta per tutte e quindi automaticamente utilizzati per rendere i dati disponibili nella forma e nel contesto appropriati verso Power BI, Tableau e Qlik. La vista si basa su una singola versione della verità, dove tutti lavorano con le medesime definizioni e i medesimi valori.

Il layer semantico condiviso permette di mappare dal Modern Data Warehouse (MDW) verso un modello di business che è congruente con le esigenze di un’unità di business specifica — a livello organizzativo, geografico o analitico.

Indipendentemente dal tool di visualizzazione, gli utenti arrivano alle medesime informazioni, senza report contrastanti. Il layer semantico condiviso aiuta anche a mettere al sicuro il futuro dell’evoluzione organizzativa aziendale, grazie alla capacità di passare facilmente tra diversi tool di visualizzazione, senza la necessità di costruire modelli da zero.

È tutta questione di automazione

Discovery Hub® si basa sul software rivoluzionario di TimeXtender’s. Questo software aiuta a superare il divario tra dati e informazioni automatizzando tutto ciò che può essere automatizzaro nel ciclo di vita del data discovery. Con Discovery Hub® è facile accelerare I processi di data on-boarding, tenere traccia di tutti i dati, e auto-generare la documentazione che occorre per assicurare la conformità normativa, si pensi al tema GDPR.

Per chi utilizza PowerBI, Tableau o Qlik.

Scopri come TimeXtender e questi strumenti di visualizzazione lavorano insieme al meglio.

Vedere per credere!

X